Le zucchine in millefoglie di Anna G.

Tag

, , , , , ,

millefoglie zucchine

Una vegetariana della prima ora e un’amante convinta delle verdure non può che escogitare di tutto per rendere gradevoli, sempre nuovi e appetitosi gli ortaggi che madre natura propone. Sempre nel rispetto dei ritmi della natura e delle stagioni però.

Ecco le “Zucchine in millefoglie” di Anna, un’alternativa per chi non mangia carne.
Le quantità sono a piacere.  Seguite i vostri gusti.

Ingredienti
Zucchine
Mozzarella
Provola affumicata
Pangrattato
Alici
Pomodorini ciliegia
Pecorino romano
Olio evo Continua a leggere

Lo sapevate che il basilico…

Tag

, , ,

basilico

… ha un uso terapeutico?

Sicuramente anche le nostre nonne lo utilizzavano per curare piccoli disturbi ma io l’ho scoperto in India.
A noi il suo profumo parla di sole, di estate, di cucina semplice e saporita, di aromi mediterranei. Il basilico infatti ama il caldo, il sole e l’umidità.
In altri paesi invece questa erba aromatica è sacra. In India rappresenta le qualità di divinità indiane. Gli induisti consacrano al basilico, il cui nome indiano è Tulsi, una festa autunnale nel giorno di luna piena a cavallo tra novembre e dicembre.
Al sacro basilico si attribuiscono proprietà magiche. E’ considerato un tesoro prezioso per gli esseri umani e viene celebrato in molti modi.
Il basilico è presente anche in un discorso di Shiva nel Padmapurana (24.2), uno dei testi religiosi hindu dove si narra la storia dell’universo e la genealogia di re, eroi e saggi.
“Oh Narada, dove cresce Tulsi non c’è miseria. Tulsi è la più sacra tra le cose sacre. Dovunque la brezza spiri la sua fragranza, c’è purezza. Vishnu elargisce benedizioni a chi cura e coltiva Tulsi. E’ sacro perché Brahma abita le sue radici, Vishnu è nel suo stelo e nelle foglie e Rudra risiede nei fiori”.

Il basilico è presente in tutti i  giardini delle case indù.
Una delle signore indiane  che ci ha ospitato nella sua casa di Munnar, sulle montagne del  Kerala,  ci ha mostrato con orgoglio il cespuglio di basilico che ornava il portico della sua casa.
Ha preso delle foglie e le ha sfregate sulla nostra pelle. “Così si allontanano le zanzare!”. E lì ce n’erano veramente tante!
Poi ha cominciato a parlarci dei rimedi che si possono preparare con il basilico.
Ecco il più utile in questa stagione, una tisana per la tosse. Continua a leggere

Tortino di patate e radicchio

Tag

, , , ,

20141106_101755 (1)

Un tortino veloce, appetitoso, profumato  e … affumicato.
Pochi ingredienti.  Le patate e il sapore della terra. Il profumo del formaggio affumicato. Il colore del rosso radicchio e il suo gusto amarognolo. L’esotismo della noce moscata.

Ingredienti
1 cespo di radicchio rosso di Chioggia
4 patate lesse di medie dimensioni
1 provola affumicata
noce moscata
sale

Lessate le patate con la buccia. Pelatele e tagliatele a fette dello spessore di  mezzo centimetro.
Mettete un filo d’olio in una teglia. Disponete le fette di patate. Salate e insaporite con noce moscata.
Coprite con la provola affumicata tagliata a fette. La noce moscata intensifica ed esalta l’affumicato della provola. Poi lavate e tagliate a pezzettini  il radicchio.  Distribuitelo sui due strati di patate e provola. Mettetene un bel po’. Salate e irrorate con un filo d’olio. Mettete in forno a 180° per 15 minuti circa. Il radicchio si deve appassire, la provola si deve  sciogliere e diventare filante.
Un intenso profumo di formaggio e noce moscata sarà in tutta la casa.
Pronti in tavola! Continua a leggere

Polpette di sedano

Tag

, , , ,

polpette 2 cut

INGREDIENTI
1 cespo e mezzo di sedano
1 uovo
3 cucchiai di grana grattugiato
3 cucchiai di pangrattato
3 fette di pane secco sbriciolato (non bagnato in acqua o latte)
olio per friggere
sale e pepe

Lavate il sedano e tagliatelo in grossi pezzi. Fatelo sbollentare in acqua e
sale per 5 minuti. Lasciatelo raffreddare e frullatelo dopo averlo ben scolato. Mettete il sedano in una ciotola. Aggiungete l’uovo sbattuto, il grana, il pangrattato, il pane secco, sale e pepe. Mescolate bene. L’impasto non deve essere troppo morbido. In ogni caso per indurirlo potete aggiungere pane secco. Fate le polpette e poi ripassatele nel pangrattato prima di friggerle in olio abbondante.
Se non volete imbrattare la cucina con gocce d’olio e con odore pesante di fritto, potete cuocere le polpette nel forno. Basta coprire una teglia con carta forno, sistemare le polpette e far dorare la superficie esterna.
Tempo stimato: 30 minuti
Semplice semplice l’alternativa alla polpetta di carne! Continua a leggere

Mangiare in Umbria

Tag

, , , ,

Questo slideshow richiede JavaScript.

Frange di rapa rossa con porro e semi di papavero, tagliolini al tartufo, ravioli ai porcini e mascarpone, crepes al cioccolato e crema alla cannella.
Crema di ceci, carne alla brace, coniglio, baccalà all’uvetta, minestra di ceci e castagne.
La tradizione, rivisitata con rispetto, si mantiene intatta, come intatto è il sapore del cibo e l’atmosfera del borgo medievale umbro.
Stradine, botteghe, piazzette, chiese, affreschi  ma anche salumi, formaggi, tartufo, vino, olio, cicerchia, miele…
L’elenco è infinito. Da Bevagna a Montefalco. Il cibo scandisce la giornata del  viaggiatore. Non si è mai sazi! Continua a leggere