Tag

, , , , , , , ,

torta rustica con pomodorini.6 jpg

Estate. Come si risolve una semplice cena?
La parola magica è torta rustica.
E se manca il tempo di fare la pasta? E se non si ha in dispensa la solita sfoglia o brisée pronta?
Fate la pasta del pane!
Basta poco. Acqua, farina, lievito. Provate cercando di evitare alcuni errori. Poi, se proprio non ne avete voglia, compratela dal panettiere sotto casa!
Poi pomodorini, origano,olive, capperi e basilico. Profumi di stagione.
Anche qui non servono dosi precise. Seguite i vostri gusti e il vostro olfatto…
Tagliate a metà dei pomodorini. Metteteli in una teglia. Cospargeteli di origano, sale e olio. Metteteli in forno a 180° e lasciateli appassire. Ci vorranno circa 20 minuti.
Ungete una teglia tonda con un po’ di olio. Stendete bene la pasta facendo uno strato sottile. Cospargete la superficie con i pomodorini. La quantità è a piacere. A me piacciono in abbondanza.
Mettete sopra i pomodori foglie di basilico, olive taggiasche senza nocciolo e capperi. Coprite con un altro strato di pasta di pane. Anche questo strato deve essere sottile. Bucherellate la superficie e spennellatela con l’olio all’origano che è rimasto nella teglia dove avete fatto appassire i pomodori.
Cuocete in forno ventilato a 180° per 30 minuti. A quel punto testate la cottura ed eventualmente lasciate in forno per altri 10 minuti. La superficie deve risultare dorata.

Parliamo di pomodori.
Lo sapevate che mangiare pomodori fa puzzare? Non c’è dubbio che il pomodoro sia un alimento sano, ricco di antiossidanti e sostanze benefiche per l’organismo, sostanze che proteggono dall’invecchiamento e da molte malattie . E’ provato però che i pomodori non aiutano a emettere un buon odore corporeo. Secondo uno studio britannico, infatti, mangiare abbondanti porzioni di pomodoro farebbe emettere un cattivo odore, indipendentemente dalla cura con cui ci si lava.
Lo studio è stato condotto dal dott. Charles Stewart  nel tentativo di capire e risolvere un problema di cui soffriva da anni.
Il dott. Stewart si rese conto che il problema dell’odore poco piacevole emesso dal suo corpo dipendeva dalla quantità di pomodori mangiati. Scoprì che gli steli della pianta di pomodoro sono ricchi di una sostanza che ricorda l’odore di sudore. L’olio presente nei gambi contiene i “terpeni”. Queste sostanze entrano nell’organismo attraverso l’alimentazione e, in contatto con gli antiossidanti presenti nei pomodori, producono spiacevoli effluvi.
Sembra che “l’effetto puzza” dei pomodori, anche se mangiati una sola volta, duri circa una settimana!

E per finire.
Volete coltivare pomodori sul balcone e arricchire il vostro piccolo orto personale?
Qui potete anche scoprire come combattere i parassiti delle piante.

Annunci